Come ottimizzare il tuo profilo Linkedin

Linkedin è un social network fondamentale per fare business online.

Per molti imprenditori si tratta di una frase fatta, perché leggono e sentono ovunque che Linkedin può essere lo strumento adatto per trovare potenziali clienti e fornitori, stringere nuove partnership, intercettare collaboratori, ma non ottengono risultati nella realtà.

Quasi sempre il problema non è la piattaforma, ma l’uso che se ne fa: bisogna essere consapevoli delle potenzialità dello strumento, ma anche del lavoro necessario per sfruttarlo per i propri obiettivi.

L’idea di scrivere questo post è partita dalla lettura di un ebook molto interessante di Sam Rathling, esperta Linkedin (che sarà relatrice anche al Marketing Business Summit 2018)

Vediamo quindi di partire proprio dall’inizio: come ottimizzare il proprio profilo Linkedin e quali consigli per sfruttarlo al meglio?

HEADLINE

L’headline è una breve descrizione che compare subito sotto al tuo nome e cognome e ha lo scopo di fare capire subito al tuo interlocutore di che cosa ti occupi: quale problema puoi risolvere al tuo potenziale cliente? Quale soluzione offri? Che tipo di aiuto gli puoi fornire?

Molti professionisti si limitano a scrivere il job title nell’headline. In realtà la sua funzione non è solo quella di mostrare il tuo ruolo professionale, anzi, è quella di chiarire la tua expertise non appena l’utente atterra sul tuo profilo. Considera anche che le keyword che inserisci nella tua headline sono oggetto della ricerca Linkedin: se hai scritto “Web Marketing” potresti comparire tra ai risultati della piattaforma quando qualcuno cerca una frase che contiene quella keyword, come “Consulente Web Marketing”.

Ecco qualche esempio di headline da cui potresti trarre ispirazione:

❌ SEO Specialist

✅ Aiuto le aziende ad ottenere visibilità grazie all’aumento del traffico organico sul sito e a contatti profilati attraverso strategie SEO mirate

 

❌ Psicologa

✅ Ti aiuto a ritrovare il benessere rigenerando corpo e mente per vivere meglio e sorridere di più

 

Sul mio profilo Linkedin ho optato per un’headline costituita da un job title molto corto ed incisivo e una frase che spiega come posso essere di aiuto alle persone che mi contattano:

scrivere-profilo-linkedin

A questo link trovi un articolo Linkedin Pulse di Ana Hoffman su come scrivere un’headline efficace.

IMMAGINE DEL PROFILO

Quando parlo con diverse persone durante eventi e workshop mi dicono “sai, ho incontrato XXX, ma non l’avrei mai riconosciuto perché sui social ha un’immagine totalmente diversa”. Un esempio per dirti quanto sia importante avere un’immagine del profilo recente, non sgranata e che inquadri bene il viso.

URL

È l’URL pubblica del tuo profilo, che tutti vedono e che si trova anche nelle informazioni di contatto nel menu di destra.

Linkedin genera URL con lettere e numeri a caso: ti consiglio, se non l’hai già fatto, di ottimizzare l’URL con il tuo nome e cognome (deve contenere da 5 a 30 lettere o numeri e mai simboli particolari o spazi). ottimizzare-profilo-linkedin

RIEPILOGO

È la descrizione che si trova sotto all’headline (o sommario) ed è spesso sottovalutato o non utilizzato per niente.

Qui puoi spiegare di cosa ti occupi, quali sono le tue specializzazioni e far capire perché un cliente dovrebbe scegliere te piuttosto che un altro professionista.

Dato che la lettura a schermo è molto veloce e le informazioni sono tante, ti suggerisco di usare un elenco puntato o un emoji pertinente per evidenziare i key-point della tua figura e sfruttare lo spazio bianco grazie alla suddivisione in paragrafi.

Io ho scelto questo format:

riepilogo-profilo-linkedin

MEDIA

Ricordati di inserire un contenuto multimediale, immagine o link.

Qualche esempio:

  • link al tuo sito/blog
  • link diretto alla pagina del portfolio clienti
  • immagine di te stesso mentre stai parlando ad un evento
  • la copertina del libro che hai scritto

CONTENUTI

Crea una vera e propria strategia editoriale su Linkedin:

A.scegli se è il canale giusto per promuovere la tua attività

B.fissa degli obiettivi che vuoi raggiungere grazie a Linkedin (aumento contatti, nuovi clienti, aumento traffico al sito e così via)

C.studia e crea i contenuti più adatti per chi ti segue in base al tuo posizionamento e alla tua strategia di comunicazione e promozione:

  • vuoi farti riconoscere come valido speaker per eventi? Scrivi post che parlano di questo argomento e posta foto mentre stai parlando sul palco di un evento o durante un corso spiegando nella didascalia di cosa stai trattando
  • vuoi mostrare la tua capacità di raggiungere gli obiettivi prefissati con i clienti? Scrivi quali risultati hai ottenuto in modo realistico (quanto tempo hai impiegato per raggiungerli e un’idea di strategia, a grandi linee ovviamente!)

Linkedin è uno dei temi caldi che verrà affrontato al Social Media Marketing + Digital Innovation Days che si terrà dal 17 al 19 maggio a Milano: 40 speaker, ognuno con 30 minuti a disposizione per raccontare esperienze concrete su un determinato argomento del Social e del Digital e interagire con il pubblico. Puoi trovare tutte le informazioni sull’evento e acquistare il tuo biglietto cliccando qui.

Come ottimizzare il tuo profilo Linkedin
3 (60%) 2 votes